Chauhan e Brunello chiudono la stagione con Dvořák e Šostakovič  - Osn Rai

Chauhan e Brunello chiudono la stagione con Dvořák e Šostakovič

Notizie10/05/2019

 Chauhan e Brunello chiudono la stagione con Dvořák e Šostakovič
scarica il pdf dell'articolo allegato

La sua rapidissima ascesa sul podio delle maggiori orchestre del mondo ha il sapore di una favola bollywoodiana. È il giovane direttore anglo-indiano Alpesh Chauhan, protagonista dell’ultimo concerto di stagione dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, in programma giovedì 23 maggio alle 20.30 (turno rosso) all’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino, con replica venerdì 24 maggio alle 20 (turno blu) anche in diretta su Radio3. Direttore Principale della Filarmonica Arturo Toscanini di Parma dal 2017, è stato Assistant Conductor di Andris Nelsons alla City of Birmingham Symphony Orchestra dal 2014 al 2016. Nato in una famiglia a digiuno di musica, è già primo violoncello della CBSO Youth Orchestra di Birmingham quando, a sedici anni, comincia la sua formazione da direttore che lo porterà al debutto ai BBC Proms nel 2016. Da allora collabora con orchestre prestigiose quali la BBC Philharmonic e la London Symphony Orchestra.

Per il suo debutto con l’Orchestra Rai propone il Concerto in si minore per violoncello e orchestra op. 104 di Antonín Dvořák, pagina fra le più note del compositore boemo scritta intorno al 1895 verso la fine del suo soggiorno americano. A interpretare questo capolavoro della letteratura violoncellistica, prediletto dai solisti per l’esuberante virtuosismo e l’immediata presa emotiva dei temi di ascendenza folklorica fra Vecchio e Nuovo Mondo, è chiamato il grande Mario Brunello. Apprezzato a livello internazionale non solo per le indiscutibili doti di interprete, ma anche per i suoi progetti che coinvolgono forme d’arte e sapere diversi, dal teatro alla letteratura, dalla filosofia alla scienza, torna a suonare con l’Orchestra Rai dopo il successo dello scorso anno. Vincitore del Premio Čajkovskij di Mosca nel 1986, è ospite regolare di formazioni quali la London Philharmonic, la NHK Symphony di Tokyo, la Mahler Chamber Orchestra e ha collaborato con direttori come Myung-whun Chung, Vladimir Jurowski e Valery Gergiev.

Chiude la serata la Sinfonia n. 5 in re minore op. 47 di Dmitrij Šostakovič, brano fra i più rappresentativi del musicista russo, composto nel 1937, all’indomani degli attacchi della censura di regime contro le tendenze formalistiche dell’opera Lady Macbeth del Distretto di Mcensk. Con il proposito di attenuare la sua immagine di compositore pericolosamente al di fuori degli schemi del realismo socialista, Šostakovič ritirò la Quarta Sinfonia che aveva scritto nel frattempo e presentò la Quinta in occasione del ventesimo anniversario della Rivoluzione d’ottobre. Grazie a un linguaggio solo in apparenza semplificato e ottimistico, il brano procurò a Šostakovič un immediato riscatto senza intaccare la sua personalità di autore.

Il concerto è registrato da Rai Cultura e sarà trasmesso su Rai5 il 25 luglio 2019.