Rai NuovaMusica prosegue con Gergely Madaras ed Elvio Di Martino - Osn Rai

Rai NuovaMusica prosegue con Gergely Madaras ed Elvio Di Martino

Notizie03/02/2017

 Rai NuovaMusica prosegue con Gergely Madaras ed Elvio Di Martino
scarica il pdf dell'articolo allegato

Prosegue Rai NuovaMusica, la rassegna di musica contemporanea dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, giunta quest'anno alla tredicesima edizione. Nel secondo concerto, in programma venerdì 10 febbraio all’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino, sempre alle 20.30, il direttore d'orchestra ungherese Gergely Madaras, Direttore musicale dell'Orchestra di Dijon Bourgogne, propone The Glinding of the Eagle in the Skies, scritto nel 2011 dal suo connazionale Peter Eötvös per il trentesimo anniversario della Euskadiko Orkestra Sinfonikoa di San Sebastian, nel Paesi Baschi. A seguire il Concerto per fagotto e archi bassi della russa Sofija Gubajdulina, scritto nel 1975 e interpretato dal primo fagotto dell'Orchestra Rai Elvio Di Martino; Tocar y Luchar, composto nel 2010 dal giapponese Dai Fujikura; e in chiusura Isolarion – Rituals of Resonance, scritto tra il 2012 e il 2013 dall'inglese Christian Mason.

“Tradizione, innovazione e contaminazione caratterizzano anche i contenuti musicali del secondo concerto di Rai NuovaMusica – dice il Direttore artistico Ernesto Schiavi – Si spazia dalla partitura di Peter Eötvös, compositore tra i più importanti del panorama musicale contemporaneo, alla personalissima indipendenza poetica pregna di misticismo di Sofija Gubaidulina, per arrivare alla particolare personalità di Mason, presente con il suo Isolarion, composizione premiata a Lucerna nel 2013 e importante esempio dei suoi rituali di risonanza naturale. Il brano di Dai Fujikura infine – conclude Schiavi - è stato scritto per l’orchestra che riunisce i giovani musicisti del metodo didattico El Sistema che Jose Antonio Abreu ha fondato in Venezuela nel 1975 e che ha già prodotto numerosi talenti musicali di prima grandezza. Il titolo Tocar y Luchar (Suonare e lottare) si riferisce alle difficili condizioni di vita in cui vivono i giovanissimi strumentisti per cui lo studio della musica rappresenta la sola possibilità di fuga da una realtà disagiata e spesso violenta.

Il concerto è registrato da Radio3, che lo trasmetterà in differita.

I biglietti proposti a 5 euro per gli adulti e a 3 euro per i giovani con meno di trent'anni.