in Primo Piano

LA VIOLINISTA JENNIFER KOH CON L’ORCHESTRA DELLA RAI DIRETTA DA JAMES CONLON PER UN “TUTTO DVOŘÁK”

A undici anni suonava con la Chicago Symphony Orchestra, a quattordici il grande violinista Isaac Stern notò il suo talento e la incoraggiò a intraprendere la carriera solistica e a diciassette vinse il concorso Čajkovskij di Mosca. È la violinista statunitense di origine coreana Jennifer Koh, ospite dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai giovedì 5 maggio alle ore 20.30 per un concerto interamente dedicato alla musica di Antonín Dvořák all’Auditorium Rai “A. Toscanini” di Torino. Il concerto è trasmesso da Rai Cultura in diretta televisiva su Rai5, ed è anche in diretta su Radio3.
Grande amante del repertorio musicale cèco e lettrice appassionata dello scrittore e drammaturgo francese di origine cecoslovacca Milan Kundera, Jennifer Koh interpreta il Concerto in la minore op. 53 per violino e orchestra di Dvořák. Il compositore cèco scrisse questa pagina tra il luglio e il settembre del 1879 dedicandola al celebre virtuoso Joseph Joachim, che però non apprezzò il lavoro e si rifiutò di suonarlo. La prima esecuzione avvenne infatti a Praga nel 1883 con il violinista Frantisek Oudricek diretto da Morie Auger.
Sul podio dell’Orchestra Rai l’americano James Conlon – che sarà il nuovo Direttore principale della compagine Rai a partire dal prossimo ottobre -, attualmente Direttore musicale della Los Angeles Opera e protagonista in Italia del Concerto di Capodanno 2016 dal Teatro La Fenice di Venezia, trasmesso in diretta su RaiUno. Di Antonín Dvořák Conlon propone il Karneval, ouverture da concerto in la maggiore op. 92, forse la più eseguita ed apprezzata delle tre ouvertures del compositore, diretta per la prima volta proprio da Dvořák nel 1892 come dedica all'Università di Praga che l'aveva insignito del titolo di dottore honoris causa, e in chiusura di serata la Sinfonia n. 7 in re minore op. 70. Commissionata al compositore dalla Società Filarmonica di Londra, sull'onda dei successi da lui ottenuti nella prima visita alla capitale britannica nel 1884, la Settima fu eseguita sotto la sua direzione l’anno seguente alla St. James Hall di Londra.
Il concerto è replicato venerdì 6 maggio, sempre alle 20.30.

IL GRANDE TENORE JUAN DIEGO FLOREZ CHIUDE IL FESTIVAL DELL’ORCHESTRA RAI “LA VOCE E L’ORCHESTA”

Si arricchisce con un quinto appuntamento straordinario proposto fuori abbonamento il festival primaverile dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai “La voce e l’orchestra”.  Venerdì 24 giugno alle ore 19, all’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino, arriva la star del belcanto Juan Diego Florez, con un recital che mette insieme arie mozartiane e rossiniane, pagine del repertorio francese, canzoni italiane e arie da zarzuelas. Programmato nel giorno di San Giovanni, patrono della Città di Torino, lo spettacolo farà precedere i tradizionali fuochi d’artificio sul Po, con quelli vocali del tenore peruviano Florez.
Il concerto, diretto da Christopher Franklin, è proposto fuori abbonamento e i biglietti - da 40, 60 e 80 euro - sono in vendita a partire da domani, giovedì 31 marzo, in esclusiva per chi si è già abbonato o si abbonerà al Festival “La voce e l’orchestra”. Dal 3 maggio poi, i posti rimanenti saranno in vendita per tutti.
Anche il programma della rassegna “La voce e l’orchestra” presenta importanti novità rispetto a quanto era stato annunciato: se è confermato il protagonista del primo concerto, in programma giovedì 19 maggio alle 20.30, ossia il grande basso russo Dmitry Beloselsky, che con la direzione Juraj Valčuha propone pagine di Modest Musorgskij, la primadonna del secondo appuntamento, dedicato alle più celebri pagine operistiche di Giacomo Puccini, è invece Maria Agresta, tra i soprani lirici oggi più richiesti al mondo. Il suo recital, dedicato alle eroine di Manon Lescaut, Turandot, Suor Angelica, Tosca e Madama Butterfly, è in programma giovedì 26 maggio alle 20.30, con la direzione di Giampaolo Bisanti.
Anche il terzo appuntamento della rassegna – giovedì 9 giugno alle 20.30 -  vede salire sul palco una nuova protagonista: il soprano Rachel Harnisch, impegnata in una scelta di pagine mozartiane tratte da Idomeneo, Lucio Silla, Il re pastore e Don Giovanni. Sul podio sale  Hansjörg Albrecht. Già interprete di riferimento di Claudio Abbado, Rachel Harnisch ha fatto di Mozart uno dei punti di riferimento della sua carriera internazionale.
Resta invariato invece il programma del quarto concerto, in programma giovedì 16 giugno alle 20.30 e affidato alla bacchetta del grande Jeffrey Tate. Il direttore inglese, insieme al soprano Kate Valentine e il tenore Brenden Gunnel, propone pagine dal grande repertorio tedesco e di compositori come Richard Wagner (Parsifal e Die Walküre) e Richard Strauss (Intermezzo e Ariadne auf Naxos).

Calendario Concerti

Stagione Sinfonica 2015-2016

Newsletter

Acquista On Line

i biglietti dei concerti

Ascolta Radio3.
I concerti in diretta sul web